lunedì 8 giugno 2020

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Pres. Municipio 2), “Odio razziale da condannare, ignoranza anche. Assembramenti autorizzati?”


“L’odio razziale è sempre da condannare, l’ignoranza anche”, commenta Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano, gli assembramenti di piazza Duca D’Aosta e di via Zuretti avvenuti durante la giornata di ieri per la commemorazione nei confronti dell’Americano Floyd e di Abba.
“È insopportabile vedere un essere umano morire in quel modo, giusto sperare in una condanna esemplare.
Cosa dire, però, di centinaia di cervelli evidentemente vuoti che si ammassano per la strada senza protezioni e distanziamento minimo? Il covid ha fatto più di 30 mila morti”.
“Possibile che chi governa Milano veda e denunci solo i presunti assembramenti di alcuni (e mi riferisco, a titolo di esempio, alla manifestazione de centrodestra in cui c’erano protezioni e distanze rispettate!) e non fiati per evidenti condotte illecite quando si tratta di amici politici?”
“Signor Sindaco, dov’era la polizia locale, solerte a multare chi cammina da solo con la mascherina temporaneamente abbassata sul collo? Signor Prefetto, le manifestazioni come queste sono autorizzate o no? Possibile che si punti il dito sul numero attuale dei contagi in Lombardia ma non si prenda responsabilmente posizione davanti a evidenti soprusi come questi?”
“Auspico un futuro in cui il rispetto delle regole sia alla base della convivenza civile”, conclude il Presidente leghista, “a prescindere da questi mesi segnati dall’emergenza covid”.