venerdì 15 dicembre 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio 2) e Luca Lepore (Assessore alla Sicurezza), “Cavezzali 11, PD intervenga con Prefetto invece di fare passerelle”

Milano, 15 dicembre 2017 

“Si conclude con una semplice passerella elettorale il sopralluogo presso lo stabile di via Cavezzali 11 organizzato dalla Commissione Periferie del Consiglio Comunale di Milano”,  intervengono Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 , e Luca Lepore Assessore alla Sicurezza.
“Mi sono recato alla commissione – spiega il Presidente Piscina - nella speranza di apprendere quali azioni concrete volesse mettere in atto il Comune di Milano. Invece è stata una semplice passeggiata senza alcuna soluzione proposta, con tanto di rinvio a un’ulteriore commissione che dovrebbe tenersi a gennaio”.
“Noi – continuano i 2 esponenti – siamo andati a porre la questione dello stabile di via Cavezzali 11 direttamente dal Prefetto già la scorsa estate. In tale occasione il Prefetto, nominato dal Ministro Minniti che ci risulta essere un esponente dello stesso Partito Democratico che governa scelleratamente il paese da ormai troppo tempo, ci aveva assicurato che si stava facendo tutto il necessario per risolvere il problema. I fatti però evidenziano che quel poco che si sta facendo sia assolutamente insufficiente”.
“I problemi dello stabile sono ormai conosciuti da chiunque, anche dall'antiterrorismo. Si potrebbe fare un lungo elenco che includerebbe occupazioni abusive, debiti, allacci abusivi all’utenza elettrica, spaccio di stupefacenti, problemi sanitari, problemi strutturali di un edificio che cade a pezzi, debiti e molto altro. Basti pensare che solo 15 proprietari risultano regolari su 193 appartamenti totali. Nei rimanenti 178 alloggi e nei locali comuni non si sa chi stazioni”.

“Invece di fare passeggiate negli stabili, – concludono i 2 leghisti - sono necessarie azioni concrete da parte del Sindaco, del Ministro Minniti e del Prefetto. Ma il Sindaco in periferia non si vede dalla campagna elettorale e il Partito Democratico, come al solito, fa tutto tranne che risolvere i problemi. Altrimenti il Sindaco Sala avrebbe già dato un colpo di telefono al Ministro del suo stesso partito per smuovere la questione”.