venerdì 29 luglio 2016

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Bene il piano della Giunta. Ora fatti, non parole”

Milano, 29 Luglio 2016

A margine della Giunta Comunale tenutasi al vecchio Municipio di Crescenzago, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 che ha presenziato all’inizio dei lavori sottoponendo i problemi del Municipio ai membri della Giunta.
“Siamo felici che la Giunta Comunale si sia tenuta in un luogo complicato come quello del Quartiere Adriano, dove durante lo scorso mandato sono stati promessi interventi mai realizzati e necessari per garantire i servizi ai cittadini quali la realizzazione della scuola media e il prolungamento della metrotranvia 7”.
“Ci chiediamo però da quando saranno disponibili i 18 + 25 milioni per il rilancio del quartiere promessi quest’oggi dalla Giunta. Ci risulta infatti che il procedimento giudiziario contro gli operatori falliti che non hanno svolto i lavori derivanti dagli oneri urbanistici non sia ancora concluso e che occorra ancora verificare la vittoria al bando nazionale delle periferie”.
“Ovviamente rimaniamo in attesa di fatti concreti perché i cittadini hanno bisogno di tempi certi e non più solo di promesse, ma ribadiamo la soddisfazione per l’incontro odierno nella speranza che possano avvenire ulteriori riunioni come questa, svolti in un clima sereno e di collaborazione”.

“Chiediamo inoltre alla Giunta – conclude Piscina - di non dimenticarsi degli altri numerosi problemi sottoposti alla loro attenzione: quello della sicurezza e del degrado in Stazione Centrale e in via Padova, il degrado causato dal Pane Quotidiano in viale Monza, gli accessi per disabili nelle metropolitane, la riqualificazione del Parco Trotter, i luoghi di culto irregolari e molti altri.”

mercoledì 6 luglio 2016

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), "Profughi Stazione Centrale, chiesto incontro urgente ad assessori, Prefettura e Questura per ripristinare l’ordine e il decoro”

Milano, 6 Luglio 2016

In merito al degrado causato dalla presenza dei profughi in Stazione Centrale e in via Sammartini, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
“La situazione incresciosa di degrado e insicurezza in Stazione Centrale e in via Sammartini non può proseguire un secondo di più. Nei giorni scorsi abbiamo posto l’attenzione sui quotidiani non ricevendo alcuna risposta soddisfacente dagli assessorati. Oggi invece abbiamo deciso di chiedere un incontro formale e urgente presso l’hub di accoglienza profughi di via Sammartini per mostrare direttamente agli assessori e al Prefetto le condizioni che i cittadini milanesi sono costretti a sopportare.”
I destinatari della richiesta sono il Prefetto di Milano Dott. Marangoni, il Questore di Milano, Dott. De Iesu, l’Assessore Majorino, l’Assessore Rozza, la Polizia Locale di Milano e la onlus Progetto Arca.
“In questi giorni stanno pervenendo presso gli uffici Municipali numerose segnalazioni che evidenziano la presenza di cospicui gruppi di presunti profughi che stazionano giorno e notte per le strade in prossimità dell’hub e nella nuova area verde di Largo San Valentino, creando degrado e disturbo della quiete pubblica, defecando e urinando per le strade, abbandonando rifiuti e alimentando una sensazione di insicurezza. Ovviamente le segnalazioni sono state controllate dal sottoscritto in prima persona e corrispondono allo stato dei fatti”.
“Dovremo essere tutti concordi nel dire che tale situazione, che sta sempre più degenerando, sia intollerabile per i cittadini che chiedono strade pulite e controllate, tanto quanto disumana per i richiedenti asilo che vengono lasciati a dormire per le strade”.
“Per quanto ci riguarda – conclude Piscina - l’unica soluzione efficace sarebbe quella di bloccare l’arrivo di nuovi presunti profughi a Milano da parte del Governo Renzi. Intanto vedremo se i destinatari della richiesta, che posseggono le competenze per agire, avranno intenzione di incontrarci per cercare una soluzione condivisa almeno per ripristinare l’ordine e il decoro delle vie nelle adiacenze dell’hub e nella Stazione Centrale, vera e propria porta d’ingresso alla città”.