venerdì 5 febbraio 2016

COMUNICATO STAMPA: 16enne accoltellato in Stazione Centrale, Piscina e Lepore, "Granelli attende il morto per agire. Subito pattugliamenti fissi!"

Milano, 5 Febbraio 2016

«La notizia di oggi in merito all’accoltellamento di un ragazzo di 16 anni nei bagni della stazione centrale ci sconvolge, ma non ci stupisce. È dal lontano 2011 che la Lega Nord segnala all’Assessore Granelli il problema della sicurezza in Stazione Centrale, ma questa amministrazione se ne infischia. Come al solito aspetteranno il morto per procedere a istituire dei pattugliamenti fissi» Così Samuele Piscina, Capogruppo della Lega Nord in Zona 2 e Luca Lepore, Consigliere Comunale del Carroccio.

«Era l’anno 2011 quando presentammo i primi documenti riguardanti la sicurezza in Stazione Centrale. Tutti i milanesi sanno che dentro la stazione e nelle aree limitrofe vige una situazione di insicurezza e degrado a causa dei numerosi sbandati e immigrati che vi bazzicano, ma l’attuale amministrazione ha sempre tergiversato sul problema».

«Il dramma sfiorato accaduto questa mattina in uno dei bagni della stazione ne è la prova inconfutabile. Non è concepibile che un minorenne che si stia recando a scuola rischi la vita a causa di un immigrato che lo accoltella pur di rubare pochi spiccioli e un cellulare. Siamo nella Milano del 2016 o nel Far West?».

«Tale situazione di illegalità e rischio è frutto della mala-politica di accoglienza incondizionata, benevolenza e di mancanza di controllo adottata da questa amministrazione e dal governo Renzi-Alfano».

«La Sinistra, capitanata dall’Assessore Granelli, ormai sicuro di ricoprire un ruolo in assessorato anche nell’ipotetica casualità in cui vinca le elezioni Giuseppe Sala, non aspetti il morto prima di agire e istituisca subito pattugliamenti fissi in Centrale come la Lega chiede da 5 anni!».