giovedì 31 luglio 2014

COMUNICATO STAMPA: Piscina, "Vergognoso regalo di Pisapia al Leoncavallo. Il Comune acquisisce lo stabile. Chiediamo interventi delle Forze dell'Ordine!"

Milano, 31 Luglio 2014

In merito all’acquisizione avvenuta oggi del centro sociale Leoncavallo da parte del Comune di MIlano, interviene Samuele Piscina, Capogruppo della Lega Nord in Zona 2.
“Il Sindaco Pisapia è ormai prossimo a regalare lo stabile di via Watteau al Leoncavallo.
Infatti, senza neanche aprire un bando di gara, il Sindaco assegnerà lo stabile ai propri amici in cambio di una cifra affittuaria irrisoria, come promesso durante la campagna elettorale che lo portò a Palazzo Marino nel 2011.”
“Così la Sinistra milanese intende legittimare chi per anni ha causato esclusivamente problemi all'intera città, senza fargli pagare le dovute conseguenze, ma anzi premiandoli.
Tutto ciò è irrispettoso nei confronti degli onesti cittadini che sono costretti a fare numerosi sacrifici e a pagare ingenti tasse per aprire e mantenere una propria attività commerciale regolare.”
“La Lega Nord si opporrà con ogni mezzo alla delibera che approderà in aula questo autunno.
Se ciò non sarà sufficiente, successivamente alla regolarizzazione ci aspetteremo assidui controlli e multe da parte della Guardia di Finanza, delle Forze dell'Ordine, di ASL e di ARPA”.
“Dubitiamo che nel centro sociale rinunceranno alla festa della semina e del raccolto della Marijuana, che rispetteranno i limiti acustici e le proprietà private.
Proprio per quanto riguarda l’attività di spaccio di stupefacenti, oltre alla realizzazione nei locali di via Watteau delle consuete e pubblicizzate feste della Cannabis, i cittadini grechesi evidenziano una forte attività di spaccio in tutto il quartiere legata direttamente al centro sociale.”
“Per non parlare del profilo di irregolarità fiscale nel quale, da decenni, proseguono indisturbate le attività del Leoncavallo.
Per la somministrazione di alcolici non si emettono scontrini fiscali, né sono corrisposti i diritti alla Siae per gli spettacoli. È presente un ristorante che prepara pasti a pagamento. Chi ha pagato la licenza di somministrazione per la manipolazione di alimenti e bevande alcoliche? Nessuno!”
“La florida attività solo nel 2012 ha registrato entrate per 1 milione e 190 mila euro. E così il Leonka non è altro che un vero e proprio business illegale con gli occupanti che non corrispondono alcun affitto e non versano i contributi fiscali.”
“Le concessioni che la Sinistra concede a chi vive nell’illegalità – conclude Piscina - sono una vera e propria vergogna.
L'unica amara consolazione sarebbe che dal 2016, con Matteo Salvini Sindaco, sarà più semplice chiudere questo centro di illegalità, stracciando il contratto di affitto fittizio che firmerà Pisapia.”