mercoledì 23 luglio 2014

COMUNICATO STAMPA: Piscina, “Sinistra contro la riqualificazione del tunnel Ferrante Aporti-Sammartini del rilevato ferroviario. In 3 anni neanche 1€ per il quartiere”

Milano, 23 Luglio 2014

La Sinistra milanese predica bene, ma razzola molto male in materia di riqualificazione del rilevato ferroviario che sovrasta via Ferrante Aporti e via Sammartini – interviene Samuele Piscina, capogruppo del Carroccio in Zona 2.
Il 17 Giugno scorso abbiamo presentato una mozione volta a riqualificare il tunnel di via Spoleto, l’ultimo rimasto in stato di degrado. Proprio ieri sera il documento è andato in votazione con il giudizio contrario della maggioranza di Zona 2. La Sinistra si è infatti dichiarata contraria al corpo della delibera, senza però presentare alcun emendamento e quindi bocciando anche la richiesta.
La riqualificazione dei Tunnel della ferrovia fu oggetto di bandi di gara assegnati e finanziati dalla precedente amministrazione comunale di centro-destra e comprendevano la sistemazione dei tunnel di via Pergolesi, via Palestrina, viale Lunigiana, via Parravicini e via Zuccoli. I lavori a oggi sono tutti conclusi.
Escluso dal bando rimaneva unicamente il Tunnel di via Spoleto. La gara di appalto, infatti, avrebbe dovuto essere realizzata  successivamente alle elezioni comunali del 2011.
Peccato che, durante questi 3 anni di amministrazione Pisapia, nessuno abbia realizzato alcun progetto e pubblicato alcun bando di gara.
Infatti, la maggioranza comunale ha sempre speso solo parole per la riqualificazione del rilevato ferroviario da parte di Grandi Stazioni, ma non ha destinato neanche 1€ per ciò che avrebbe potuto realizzare direttamente.
Se ciò non fosse sufficiente, i cittadini, riuniti in associazioni, hanno dovuto rimboccarsi le maniche compiendo a proprie spese quello che l’amministrazione comunale, noncurante delle richieste dei cittadini, non realizzava. Stufi del degrado, i residenti hanno infatti ridipinto i tunnel riqualificati e rovinati dai vandali, i cosiddetti “writers”. L’inadempienza da parte dell’amministrazione comunale è a dir poco vergognosa!
Sono ormai lontani i bei tempi in cui l’amministrazione Moratti stanziava fondi per riqualificare i tunnel, per rimodernare la stazione, per costruire il parchetto in Sammartini, per realizzare la piazza antistate il memoriale della Shoah e per costruire il centro anziani in Sammartini, giusto per citarne alcuni.
Il quartiere che abbiamo innanzi ai nostri occhi è un rione degradato e anche il più piccolo intervento non può portare altro se non un beneficio per i cittadini.
È ora di passare dalle parole ai fatti: si continua a parlare di ipotetici progetti per via Sammartini (Gay Street) e Largo San Valentino, ma i fondi a oggi non sono altro che un puro miraggio. È ridicolo fare proclami a Grandi Stazioni se il Comune non riqualifica le aree di propria competenza! Cara Assessore Rozza, tagliare i nastri e prendersi i meriti delle opere realizzate dalle precedenti amministrazioni, oltre a essere scorretto e ignobile, non è sufficiente a garantire il benessere del quartiere.
Chiediamo – conclude Piscina - che l’amministrazione centrale, nonostante il voto espresso dalla Sinistra zonale, pubblichi al più presto il bando per la riqualificazione del sottopasso di via Spoleto, non ascoltando, come peraltro è solita fare, le circoscrizioni territoriali.