lunedì 23 giugno 2014

COMUNICATO STAMPA: Piscina, “Ponte Ernesto Breda riqualificato solo grazie a Ferrovie dello Stato. Ora il Comune stanzi fondi per il quartiere!”

Milano, 23 Giugno 2014
 
Ringraziamo Ferrovie dello Stato – interviene Samuele Piscina, Capogruppo della Lega in Zona 2 - perché solo grazie al suo intervento sarà finalmente riqualificato il ponte di via Ernesto Breda.
Sin dal 2011 l’amministrazione zonale ha inserito la riqualificazione del ponte come massima priorità nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche. L’intervento doveva essere attuato entro il 2012, ma ci è dovuto quasi scappare il morto, affinché l’amministrazione muovesse davvero le acque.
Infatti gli assessorati, come purtroppo è solito fare in Italia, si sono mossi solo dopo che un bambino, uscito da scuola, è stato investito da un’automobile che transitava per quella carreggiata davvero troppo stretta.
Ma la passerella sarebbe costata troppo e il Comune non avrebbe avuto la volontà e i fondi per realizzarla interamente.
Ed ecco allora che il colpo di fortuna per l’amministrazione, ma anche e soprattutto per i cittadini, è servito sul piatto d’argento!
Infatti, senza l’intervento di FS, la passerella ciclo-pedonale tanto attesa dai grechesi non sarebbe mai stata realizzata per evidenti problemi di bilancio.
Il ponte verrà in gran parte distrutto e ricostruito da Ferrovie dello Stato che doveva comunque intervenire per allargare i sottopassi e consentire il passaggio dei vagoni merci.
Nell’unico intervento sul quale mette becco, il Comune però fa disastri: con la chiusura per lavori del ponte, il traffico sarà necessariamente deviato. Invece di invertire il senso di marcia di via Prospero Finzi, l’Assessorato di Maran ha pensato bene di riaprire solo via Chiese. Ciò comporterà un’assenza di collegamenti viabilistici tra Greco-Fulvio Testi e Viale Monza nel lungo tratto che va da Rovereto a Villa San Giovanni, costringendo le automobili a ripercorrere viale Monza a ritroso e così aumentando traffico e smog.
All’Assessore Rozza, che durante l’assemblea pubblica si è vantata con i cittadini di aver riqualificato i tunnel del rilevato ferroviario tra via Sammartini e via Ferrante Aporti, ricordiamo che il bando per la riqualificazione e lo stanziamento dei fondi derivano dall’Amministrazione Moratti. L’Assessore, oltre a tagliare i nastri delle opere realizzate dal centro-destra, è il caso che cominci a spendere quattrini per riqualificare il quartiere, in particolare per il Tunnel di via Spoleto, unico non inserito nel vecchio bando e rimasto irrealizzato. Tunnel per il quale l’assessorato non ha ancora emesso alcun bando di gara.
Infatti, ad oggi, l’attuale amministrazione comunale non ha stanziato neanche 1€ per riqualificare un quartiere  sovrastato dal degradato rilevato ferroviario.
Chiediamo quindi – conclude Piscina -un chiaro impegno dell’assessore affinché i cospicui fondi risparmiati grazie all’intervento di FS vengano programmati per interventi nel quartiere di Greco.

sabato 14 giugno 2014

COMUNICATO STAMPA: Piscina, ” Zona 2, corsi comunali da Settembre diventano a pagamento”

Milano, 14 Giugno 2014 

Non si placa la tassazione dei servizi nel Comune di Milano – interviene Samuele Piscina, capogruppo della Lega in Zona 2 - e raggiunge anche i consigli circoscrizionali.
Abbiamo infatti appreso che alcuni corsi dei CAM zonali (Centri Aggregativi Multifunzionali) a partire dal prossimo Settembre prevedranno il pagamento di una quota d’iscrizione.
Le precedenti amministrazioni zonali e comunali di centro-destra hanno sempre optato per la totale gratuità dei corsi CAM, affinché ogni cittadino potesse usufruirne senza gravare sulla famiglia.
Di ritorno dalle vacanze, invece, i cittadini milanesi di Zona 2 troveranno l’ennesima sorpresa targata Pisapia, grazie alla delibera di Giunta 2807 del 2012 che permette tale scempio.
I costi d’iscrizione tangeranno la cifra massima di 50€ a persona per le lezioni di Riflessologia plantare, Cultura milanese, Scrittura creativa, Teatro e Danza Terapia.
Ciò che ci lascia più sconcertati è il criterio preferenziale prettamente ideologico, tramite il quale sono stai stabiliti i corsi che prevedranno un corrispettivo monetario da parte dei cittadini.
Infatti, casualmente, il corso di Italiano per stranieri viene riproposto gratuitamente, mentre il corso di Cultura Milanese raggiunge i costi più elevati!
La triste realtà è che la Sinistra, noncurante del periodo di crisi economica, non perde tempo a sfilare qualche quattrino dalle tasche dei cittadini, lasciando inalterati i corsi frequentati dal proprio elettorato.
Per il nostro gruppo consiliare, i corsi comunali dei CAM devono rimanere interamente gratuiti affinché ogni cittadino possa accedervi.
La scusa dei fondi insufficienti – conclude Piscina - non regge: tra Area C, Tasi, aumenti prezzi dei biglietti e degli abbonamenti ATM, addizionale Irpef, tassa sui passi carrai, imposta di soggiorno, Cosap, aumento delle tariffe per la Sosta e altre tasse, il Comune di Milano dovrebbe avere sufficienti fondi da poter offrire questi corsi dai costi esigui. Altrimenti, i cittadini dovrebbero chiedersi in che modo il Comune spenda i soldi dei contribuenti.
Purtroppo la sanguisuga Pisapia continua il suo salasso.