mercoledì 21 maggio 2014

COMUNICATO STAMPA: Piscina, "Fondi per il diritto allo studio destinati ai soli Rom e altri privilegi, la Sinistra colpisce ancora!"

Milano, 21 Maggio 2014

Ancora una volta la tendenza a privilegiare i Rom nei confronti dei cittadini prevale in Consiglio di Zona 2 - denuncia Samuele Piscina, Capogruppo del Carroccio nella circoscrizione.
I fondi per il diritto allo studio, assegnati alle Scuole zonali, prevedono una quota "disagio e svantaggio" all'interno della quale figura la voce "alunni nomadi".
Considerato che all'interno della stessa quota "disagio e svantaggio" viene prevista una voce "Alunni CNI" che prevede fondi destinati ad alunni stranieri e una ulteriore voce chiamata "scuole a rischio" che, così come previsto dall'Ufficio Scolastico Regionale, prevede una quota destinata alle scuole con percentuale maggiore al 40% di alunni stranieri o nomadi, non si capisce la motivazione che spinge la Sinistra a garantire una quota pari al 6% ai soli nomadi.
Infatti, se i Rom non hanno cittadinanza italiana, gli aiuti vengono già distribuiti tramite i fondi CNI (cittadinanza non italiana). Altrimenti il 45% dei fondi vengono già elargiti a quota pro-capite, ossia per il singolo alunno.
Se il problema dei nomadi non riguarda l'apprendimento, ma l'educazione, quest’ultima dovrebbe provenire innanzitutto dal nucleo famigliare e successivamente dalle insegnanti che non necessitano di maggiori fondi per svolgere il consueto compito di ordinarie educatrici.
Oltre a ciò, nella stessa seduta la maggioranza ha bocciato una mozione presentata dal nostro gruppo consiliare che chiedeva l’allontanamento di Rom molesti presso i semafori siti agli incroci tra viale Lunigiana e via M. Gioia e tra viale Marche e via Arbe. Tali individui sono soliti reagire con la violenza verso gli onesti cittadini nel caso in cui non gli venisse corrisposto un compenso dopo aver deterso i vetri, ovviamente senza il benestare dell’autista.
Più volte – conclude Piscina - abbiamo denunciato l'elargizione di fondi e privilegi ai Nomadi, in particolare a quelli residenti in via Idro.
Questa ulteriore attenzione a favorire i Rom non è altro che una forma di discriminazione nei confronti degli onesti cittadini.