mercoledì 7 novembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Piano Rom Zona 2, Piscina e Orsatti “Privilegi agli zingari. Aggressione al Capogruppo Lega che per la Sinistra deve rimanere in silenzio”


Milano, 7 Novembre 2012

“Ieri sera in Consiglio di Zona 2 la maggioranza ha voluto fortemente approvare un documento volto ad assicurare ulteriori privilegi alle popolazioni Rom rispetto al piano che sta esaminando la Giunta comunale” esordisce Samuele Piscina, Capogruppo del carroccio in Zona 2 e primo firmatario dei 42 emendamenti discussi.
“Se il documento proveniente da Palazzo Marino presenta richieste inaccettabili quali l’accesso degli zingari alle graduatorie Aler, il permesso di effettuare forme di autocostruzione e la richiesta di avvertire preventivamente gli occupanti sulla data di sgombero, il documento del parlamentino peggiora ulteriormente la situazione.” 
Queste le richieste della Sinistra nella circoscrizione:
  • Rivedere il superamento dei campi come soluzione abitativa, con il risultato di mantenere le baracche abusive e il disagio nei quartieri.
  • Evitare la parola “integrazione” sostituendola con il vocabolo “cittadinanza”. La maggioranza dimostra di non conoscere il significato del termine “cittadinanza”, che è strettamente legato a uno status giuridico e prevede il godimento di diritti e l'assolvimento di doveri.
  • Svolgere azioni relative all’accesso e sostegno al lavoro come l’affido privilegiato di commesse da parte di AMSA e del Comune di Milano. I cittadini disoccupati vengono completamente dimenticati per favorire il lavoro delle popolazioni Rom. Si chiede inoltre di incoraggiare la raccolta di materiali di recupero quali ferro e rame che tali popolazioni tuttora “recuperano” rubando nei cimiteri, nei depositi e dalle linee di trasporto pubbliche.
  • Di fornire indennizzi allo sgombero delle popolazioni Rom e di riqualificare i campi per fornire i servizi ai nomadi. Tutto ciò con i soldi versati dai cittadini.
“La situazione di malfidenza – conclude Piscina - è dovuta allo stato precario e d’illegalità delle stesse popolazioni che non sono propense a integrarsi nella nostra società e nel mondo lavorativo. In questi documenti le uniche forme di discriminazione individuabili sussistono nei confronti degli onesti cittadini! Tutto ciò però non è possibile esprimerlo senza correre il rischio di essere aggredito fisicamente da qualche militante di sinistra presente nel pubblico. Infatti, a fine serata un individuo ha tentato di avvicinarsi al sottoscritto al fine di percuotermi. Fermato da alcuni consiglieri prima che potesse colpirmi, il militante è stato allontanato mentre lanciava minacce nei miei confronti. Questa è la democrazia secondo la Sinistra!”
“Le minacce non ci spaventano - chiosa Massimiliano Orsatti, Consigliere regionale della Lega Nord – e non fermeranno la nostra ferma opposizione. I meneghini non meritano di essere discriminati rispetto agli zingari. Come sempre la Lega pensa che i cittadini onesti debbano essere messi costantemente in primo piano. Pisapia, invece, continua a favorire l’interesse di tutti tranne quello dei milanesi. Esprimo piena solidarietà al Consigliere Piscina per la tentata aggressione che ha subito.”