mercoledì 28 novembre 2012

COMUNICATO STAMPA: Commissione Ambiente e Mobilità in piazzale Istria, Piscina "chiediamo la riqualificazione del verde e dei marciapiedi"

Milano, 28 Novembre 2012

Dopo numerose richieste si è finalmente svolta la Commissione Ambiente, Mobilità, Arredo urbano e Verde del Consiglio di Zona 2 in piazzale Istria.
Il sopralluogo, fortemente voluto e sollecitato dalla Lega Nord, ha evidenziato numerose problematiche.
“Come avevo segnalato attraverso la mozione presentata un mese e mezzo fa, - interviene Samuele Piscina, Capogruppo del Carroccio in Zona 2 e primo firmatario della richiesta di Commissione - la commissione ha riscontrato problematiche considerevoli di sosta abusiva sia in strada che sull’area adibita a verde.
Proprio quest’ultima provoca buche che, durante le giornate piovose, si trasformano in veri e propri acquitrini, mettendo in pericolo i passanti che rischiano di scivolare sul fango.
La parte centrale della piazza era stata riqualificata 2 anni fa per la realizzazione della stazione della M5.
Non era però prevista la sistemazione dei marciapiedi e delle aree verdi innanzi ai caseggiati con numeri civici pari."
"In anticipazione della prossima apertura della stazione della M5, il Gruppo Consiliare della Lega Nord di Zona 2 chiede fortemente una sistemazione della pendenza dei marciapiedi e la riqualificazione dell’area verde attraverso la ripiantumazione e l’installazione di dissuasori volti ad evitare la sosta abusiva.
Abbiamo inoltre chiesto una revisione degli scarichi dei tombini nel quartiere in oggetto, spesso e volentieri protagonisti di veri e propri allagamenti.
Le nostre richieste, supportate da una buona partecipazione dei cittadini presenti durante il sopralluogo, sono state accolte dalla commissione."
"Ora attendiamo il passaggio in seduta del Consiglio di Zona, - conclude Piscina - nella speranza che i Capogruppo di maggioranza e il Presidente di Zona non intendano inserire la delibera al 31° punto dell’Ordine del Giorno, come soliti fare per le richieste dell’opposizione, per quanto giuste possano essere."