giovedì 21 marzo 2019

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2) e Marzio Nava (Ass. Verde), “Rogo nello scantinato del centro diurno disabili. Comune metta in sicurezza come richiesto da 3 anni”

Milano, 21 marzo 2019
“Ancora una volta le richieste del Municipio sono rimaste inascoltate dall’amministrazione comunale e, a causa di queste inadempienze, per poco non ci scappava la tragedia”, intervengono Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano e Marzio Nava, Assessore municipale al Verde.
“Sono 3 anni che segnaliamo al Comune di Milano la grave situazione presente sotto il centro diurno disabili del parco Finzi, lungo viale Monza. Lo scantinato dello stabile, infatti, è in uno stato di totale abbandono e accessibile a chiunque, tanto che viene puntualmente utilizzato come luogo di bivacco o di spaccio e consumo di stupefacenti”.
“Proprio quest’ultima fattispecie sembra possa essere la causa del principio d’incendio scoppiato stamane e subito estinto dagli operatori del centro diurno disabili che fortunatamente si sono accorti del fumo nero e hanno spento le fiamme, probabilmente causate da un mozzicone abbandonato da qualcuno che è entrato nel seminterrato, ancora prima che arrivassero i Vigili del Fuoco”.
“Nel corso degli anni abbiamo chiesto ripetute volte la messa in sicurezza degli accessi dello scantinato tramite l’installazione di lastre che impedissero l’accesso ai locali sottostanti il CDD Negri-Pini, ma il Comune non ha mai autorizzato alcun intervento. Negli scorsi mesi avevamo addirittura effettuato un sopralluogo con l’Assessore Rabaiotti che aveva promesso un intervento rapido”.
“Ricordiamo che nel parco, oltre al centro disabili, sono presenti anche un centro socio-ricreativo per anziani, un edificio scolastico, i servizi sociali di ATS e gli sportelli sociali municipali che convivono insieme in un’area che presenta numerosi altri problemi quali, ad esempio, la casa dell’ex custode in stato di abbandono e oggetto di occupazioni o i numerosi lampioni pericolanti lungo i vialetti”.
“Cosa aspetta il Comune a provvedere a quanto richiesto mettendo in sicurezza l’area? – concludono i 2 esponenti municipali - È necessario che qualche ragazzino si faccia male affinché il Sindaco intervenga? O forse è troppo impegnato a intervistare cantanti e a registrare marchette televisive? Ora più che mai è fondamentale che l’intervento sia immediato!”

venerdì 8 marzo 2019

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Comune ammicca ai centri sociali e trascura la sicurezza in Centrale. Nuovo Questore non conti sul Sindaco”


“Mentre Regione Lombardia continua a sgomberare alloggi Aler, il Comune ammicca ai centri sociali e non gestisce il problema sicurezza, lasciando il territorio del Municipio 2 in una situazione allarmante”, interviene il Presidente del Municipio 2 Samuele Piscina ai margini della Commissione Comunale sulle occupazioni abusive in programma quest’oggi a Palazzo Marino.
“È capitato con il Leoncavallo per il quale il Sindaco ha sempre avuto un occhio di riguardo. Continua ad avvenire in via Esterle dove gli ex bagni pubblici di proprietà comunale sono occupati abusivamente dagli antagonisti e dove, come sappiamo, neanche la Commissione comunale durante il sopralluogo dello scorso febbraio ha potuto entrare. Avviene anche in via Iglesias dove lo stesso collettivo ‘Noi ci siamo’ di via Esterle continua a rendere invivibile il quartiere con la prepotenza che li contraddistingue. L’ultimo arrivato, il Labretta in via Edolo, procede con la propria attività commerciale illegale, togliendo indisturbatamente il sonno ai cittadini. Infine, non possiamo dimenticare il T28 in viale Monza. Il luogo comune di tutti questi spazi occupati è che il Comune ha lasciato il Municipio 2 da solo a contrastare l’illegalità”.
“L’episodio degli accoltellamenti da parte di un libico avvenuti oggi in Stazione Centrale ci allarma ulteriormente. Più volte il Municipio ha chiesto al Comune di aumentare la sicurezza nelle aree attigue alla stazione e di impedire il bivacco di spacciatori e delinquenti, ma l’unica risposta ottenuta è stata una dubbia riqualificazione della mezzaluna verde davanti al Pirellone, che, come progettata, permette ai malviventi di nascondersi nel percorso pedonale”.
 “Abbiamo appreso oggi della promozione del Dott. Cardona a Prefetto di Lodi, con il quale ci congratuliamo. Il nuovo Questore dovrà aver ben presente che il Comune, considerati i trascorsi, probabilmente non muoverà un dito per aiutare la Polizia. Il dialogo del Municipio con le Forze dell’Ordine è costante, ma ricordiamo che solo il Sindaco e l’Assessore possono portare le richieste d’intervento al Tavolo provinciale per la pubblica sicurezza. A quanto pare, però, le priorità della sinistra sono differenti da quelle dei cittadini.”
“Siamo stufi di essere presi di mira dai centri sociali e dai delinquenti”, conclude l’esponente leghista. “La nostra zona è infatti quella più martoriata dalla delinquenza dei cittadini stranieri e dal fenomeno delle occupazioni da parte dei collettivi. Ovunque sgomberino, si trasferiscono indisturbati nel nostro territorio, proprio com’è successo con il Lambretta. Non possiamo più tollerare la compassione del Sindaco per i criminali, l’inerzia e l’incompetenza comunale. Sgomberi, maggiori pattuglie e controlli sono fondamentali per ripristinare l’ordine e la legalità”.

giovedì 14 febbraio 2019

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Commissione comunale in locale occupato via Esterle senza avvisare Forze dell’Ordine, gestione superficiale. Stralciare luogo di culto dal Piano!”


“È stata a dir poco superficiale la gestione della Commissione consiliare Urbanistica del Comune di Milano che si è tenuta stamane presso i locali degli ex bagni pubblici di via Esterle, occupati abusivamente e di proprietà del Comune di Milano”, chiosa Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
“Martedì mattina ho dovuto avvisare personalmente la Polizia di Stato dello svolgimento della Commissione convocata dal Comune in quanto gli organi competenti ancora non avevano inviato l’informativa che doveva essere finalizzata a richiedere la presenza delle Forze di Polizia. Ovviamente, alla scoperta della mancata comunicazione, la mia reazione è stata di incredulità considerando che il Comune dovrebbe essere a conoscenza dell’occupazione da parte del Collettivo «Noi ci siamo» di un suo stabile. Occupazione che noi stessi come Municipio abbiamo più volte segnalato e per la quale continuiamo a chiedere lo sgombero insieme a quella dello stabile privato di via Iglesias conquistato dal medesimo collettivo. Bisogna inoltre sottolineare che la finalità della commissione sarebbe stata quella di svolgere un sopralluogo all’interno dello stabile che è stato indicato nel l PGT e nel Piano delle attrezzature religiose come uno dei luoghi di culto di nuova istituzione”.
“Come era facilmente prevedibile, all’arrivo dei commissari, presso l’ingresso degli ex bagni pubblici abbiamo trovato ad attenderci una 20ina di anarchici. Fortunatamente il Presidente della Commissione ha ascoltato il consiglio della Digos di non accedere all’interno dello stabile, concludendo il sopralluogo nel giro di 10 minuti nell’incredulità generale”.
“La gestione è stata a dir poco superficiale. Abbiamo poi scoperto che la nota della Polizia Locale alla Polizia di Stato è stata inviata solo ieri alla Questura, senza lasciare un preavviso adeguato e con un ingente numero di agenti che sono stati tolti dal servizio sulla strada in tempi stretti per assistere a un sopralluogo surreale. Il Municipio 2 ringrazia gli agenti della Digos e del Commissariato Villa San Giovanni per essersi attivati subito e chiede maggior rispetto al Comune per il lavoro delle Forze dell’Ordine”.
“Constatato che lo stabile è occupato abusivamente, come se ce ne fosse la necessità, - conclude il Presidente leghista - chiediamo al Comune di stralciare l’area dal Piano delle attrezzature religiose vista l’impossibilità di assegnazione, in considerazione anche della presenza dei City Angels che, nel caso di esito positivo delle intenzioni del Sindaco, sarebbero sfrattati dallo stabile dove risiedono regolarmente nelle stanze attigue a quelle occupate. Concentrare 2 moschee su via Padova, che si aggiungono ai numerosi luoghi di culto abusivi già presenti sul territorio e da noi denunciati, significa ghettizzare ancora una volta la popolazione islamica, eventualità assolutamente da evitare visti i grandi problemi sociali e di sicurezza già presenti sul territorio”.

martedì 12 febbraio 2019

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2) e Laura Luppi (Assessore Politiche sociali), “Municipio al fianco dei cittadini per la lotta alla povertà. Distribuite carte prepagate a chi è in difficoltà”


Milano, 12 febbraio 2019

“Il Municipio 2 è da sempre attivo per aiutare socialmente i cittadini del territorio – intervengono il Presidente del Municipio 2 Samuele Piscina e l’assessore municipale alle Politiche sociali Laura Luppi - Per questo motivo anche quest’anno abbiamo fortemente voluto offrire un piccolo aiuto concreto a chi si trova in situazione di difficoltà economiche”. 
“L'iniziativa prevede la distribuzione a ogni famiglia o persona in condizione di difficoltà di 2 carte prepagate dal valore di € 50 ciascuna, per un totale di 491 tessere. Tali carte, distribuite grazie alla collaborazioni dei servizi sociali territoriali, permetteranno di accedere a supermercati di una grande catena commerciale, che ha vinto la gara d’appalto, per l'acquisto di generi alimentari e di beni di prima necessità, fino all’esaurimento dell’importo totale di 100€”. 
“Attraverso questo piccolo gesto concreto, - concludono i 2 esponenti municipali - desideriamo manifestare la nostra vicinanza nei confronti del territorio e dei bisogni dei cittadini, avvalorando ancora una volta una grande attenzione al tema della povertà. I cittadini hanno già cominciato a mandarci i loro ringraziamenti e siamo felici di poter dare il nostro contributo per non lasciarli soli in momenti difficili”.

sabato 9 febbraio 2019

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Lavoro esemplare commissariato Villa San Giovanni in via Padova, risposta forte in contrasto allo spaccio”


Milano, 9 febbraio 2019

“Un ringraziamento è doveroso per lo splendido lavoro svolto dai ragazzi della Polizia di Stato del Commissariato Villa San Giovanni che, guidati dal Vice Questore Giammarrusti, hanno permesso l’arresto di un cittadino abitante in via Gassman che gestiva il traffico di droga in via Padova”, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
“Negli alloggi e nel garage del 46enne sono stati trovati ben 2.5Kg di cocaina purissima che poteva essere a sua volta tagliata almeno 4 volte prima che venisse immessa nel mercato illegale. I cittadini e i commercianti di via Padova sono grati alle Forze di Polizia. Questo ultimo arresto, seguito dai controlli e dalle identificazioni nei locali pubblici durante la stessa giornata, ha dato una risposta forte in contrasto all’illegalità che cerca di spadronneggiare in un asse molto complicato”.
“Ci auguriamo conclude il Presidente leghista -  che questo delinquente rimanga in cella per molto tempo, togliendo definitivamente dalla strada uno spacciatore, ma senza abbassare la guardia perché tutti sono consapevoli che tra via dei Transiti, Mosso, Arquà, Clitumno e Cavezzali la battaglia non è ancora finita”.