lunedì 17 luglio 2017

COMUNICATO STAMPA: COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio), “Ennesimo atto criminale in Centrale, la politica migratoria del PD non funziona”

Milano, 17 luglio 2017

“Ancora una volta l’insicurezza in Stazione Centrale è al centro della cronaca del nostro paese. Questa volta a far notizia è un giovane della Guinea che ha aggredito con un coltello un poliziotto”, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
“Si tratta della terza aggressione in pochi mesi ai danni delle Forze dell’Ordine, senza contare tutte quelle che accadono ogni giorno ai danni di cittadini e di turisti, una delle quali subita in prima persona dal sottoscritto pochi mesi fa”.
“Purtroppo non stupisce che il 31enne avesse precedenti penali e gli fosse stato notificato un decreto di espulsione il 4 luglio, emesso dalla Questura di Sondrio. Ancora una volta la burocrazia, il Governo e i giudici hanno contribuito a sfiorare il dramma. Cosa faceva questo clandestino nel nostro paese con un decreto di espulsione in mano? Ciò che più ci terrorizza è che il giovane abbia urlato di voler morire per Allah”.
“Intanto la Stazione Centrale si verifica ancora una volta come uno dei luoghi più insicuri della città. Nonostante questo, le azioni volte a contrastare i fenomeni di illegalità, come il blitz delle Forze dell’Ordine avvenuto durante lo scorso maggio volto a verificare l’identità dei numerosi immigrati che bivaccano nella piazza, vengono pesantemente criticate dall’Assessore Majorino e da una buona parte del PD milanese”.

“Non sono i blitz che non funzionano, - conclude il leghista - ma la politica migratoria di Mojorino e co. Azioni come quelle dovrebbero essere attuate ogni giorno al fine di garantire la sicurezza nella principale porta di accesso alla nostra città”.

domenica 9 luglio 2017

VIGILI DI QUARTIERE, MUNICIPI DI CENTRODESTRA: SÌ ALLA REINTRODUZIONE, MA SERVE MAGGIORE OPERATIVITA'

"Siamo a favore della reintroduzione dei vigili di quartiere, nati durante le amministrazioni di centrodestra e ridotti fino all'estinzione negli anni di Pisapia. Però il 'modello operativo' impostato dall'assessore Rozza non ci convince". Lo affermano Paolo Guido Bassi, Marco Bestetti, Alessandro Bramati, Giuseppe Lardieri e Samuele Piscina, Presidenti dei Municipi 4, 7, 5, 9 e 2 in relazione al nuovo servizio di Vigili di quartiere presentato oggi da Beppe Sala.

TROPPO 'CENTRALISMO' - I 'sindaci' milanesi del centrodestra osservano come la figura degli agenti territoriali "è stata pensata per avere un ruolo di 'intelligence' più che operativo, limitandosi a segnalare situazioni sulle quali intervenire, più che occuparsene direttamente. Al contrario, è invece previsto che rilevino gli incidenti stradali, mansione della quale sarebbe invece opportuno sgravarli perché assorbe moltissimo tempo e distoglie dal fondamentale pattugliamento dei quartieri. Inoltre - sottolineano i presidenti - il collegamento con i Municipi è più formale che sostanziale, mentre logica vorrebbe che ci fosse un collegamento molto stretto così da processare rapidamente le tante segnalazioni che riceviamo dai cittadini". 

NO AL TAGLIO DEI PRESIDI LOCALI - Da mesi, aggiungono i 5 Presidenti di Lega Nord, Forza Italia e Milano Popolare, "assistiamo a un progressivo 'taglio' delle sedi decentrate della Polizia Locale. Una riorganizzazione che ci vede fortemente contrari, che trasmette ai residenti un senso di 'abbandono' dei quartieri periferici e che certo non corrisponde a una maggiore efficienza del Corpo".

PIÙ POTERI AI MUNICIPI - "Collaboriamo con la Giunta comunale, come anche in questo caso abbiamo fatto, indicando i quartieri dove sperimentare la presenza dei Vigili di quartiere - concludono Bassi, Bestetti, Bramati, Lardieri e Piscina - ma vogliamo la piena applicazione del Regolamento dei Municipi in materia di Sicurezza, superando l'assurda e paradossale disposizione data dall'Ass. Rozza che ci obbliga a passare dalla sua Segreteria per qualsiasi tipo di rapporto con la Polizia Locale. Questo 'muro' fra Municipi e Polizia Locale costruito dall'Ass. Rozza deve essere abbattuto".

martedì 27 giugno 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Parte prima edizione delle feste di quartiere del Municipio 2. Nuovo momento aggregativo e culturale per i cittadini”


Milano, 27 giugno 2017

“Parte questo sabato la prima edizione delle feste di quartiere del Municipio 2”, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
“Si tratta di un’iniziativa mai proposta nel nostro Municipio realizzata dalla collaborazione tra la presidenza del Municipio, l’Assessore all’identità e grandi eventi Lepore e l’Assessore alla cultura Nava. Lo scopo è quello di rievocare l’identità storica e culturale di vecchi municipi che un tempo non facevano parte del Comune di Milano e di riportare per le strade la cultura milanese attraverso dei momenti aggregativi, sociali e culturali destinati ai cittadini”.
Le feste, della durata di una giornata ciascuna, si terranno tra i mesi di luglio e di settembre con la seguente cadenza:
  • Festa di Villa e Precotto (Sabato 1 luglio presso via Columella nel boulevard pedonale)
  • Festa di Crescenzago e Quartiere Adriano (Sabato 8 luglio presso largo Bigatti)
  • Festa di Greco Milanese e Maggiolina (Sabato 9 settembre presso via Melchiorre Gioia 193)
  • Festa di Turro e Gorla (Sabato 23 settembre presso l’Anfiteatro Martesana all’interno del parco Martiri della libertà iracheni vittime del terrorismo in via Agordat)

“Le giornate sono state organizzate in collaborazione le associazioni Happy Days e Amici della musica e coinvolgono le associazioni, i comitati e le realtà del territorio che hanno manifestato la loro volontà di essere parte integrante delle iniziative, sottolineando la loro importanza sociale nei quartieri e coinvolgendole sempre di più nelle attività istituzionali. Le feste prevedono inoltre la partecipazione delle biblioteche municipali che forniranno la possibilità d’iscrizione al servizio di prestito dei libri. Tra le attività spiccano anche quelle per i più piccoli come la lettura di fiabe e la baby dance, la presentazione di libri culturali riguardanti il quartiere, il concerto della storica banda di Crescenzago e dei gruppi dei Centri di Aggregazione giovanile del nostro Municipio, il servizio di booksharing, la presenza di bancarelle artigianali e un servizio di ristorazione. Infine, per le prime 2 iniziative è prevista la partecipazione dei famosi gruppi musicali “TEKA P” e “CANTAMILANO”. L’ingresso è libero e gratuito per tutti i cittadini che gradiranno partecipare”.

“L’augurio – Conclude Piscina - è che le feste possano allietare le giornate estive dei nostri cittadini, portando momenti culturali e di gioia nei nostri amati quartieri”

domenica 25 giugno 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Situazione moschea abusiva via Cavalcanti fuori controllo e legge. Che fine hanno fatto le promesse elettorali del Sindaco?”

Milano, 25 Giugno 2016

“La situazione presso la moschea di via Cavalcanti è al di fuori di ogni controllo e legge”, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano.
video
“Proprio oggi, con la festa di chiusura del ramadan, si è raggiunto l’apice dell’illegalità con la presenza di centinaia di persone in uno scantinato assolutamente inadeguato e utilizzato in modo abusivo. Lo stabile, sito in uno scantinato 8 metri sotto il livello del suolo, non presenta alcuna finestra, condotto di areazione o uscita di sicurezza e risulta accatastato c/2, ossia magazzino senza presenza di persone. L’utilizzo irregolare del deposito è stato oggetto di numerose denunce ed esposti da parte dei residenti, stanchi degli schiamazzi e preoccupati per la sicurezza del condominio. Alle denunce si sono succeduti diversi sopralluoghi da parte della Polizia Locale di Milano che ha constatato l’effettiva frequentazione dello stabile. Eppure continuano ad accedervi incontrastate centinaia di persone ogni giorno, con evidenti rischi sia per i frequentatori, sia per chi abita negli appartamenti sovrastanti”.
“La Giunta del Municipio 2 già lo scorso dicembre aveva istituito il registro dei luoghi di culto irregolari e lo aveva trasmesso al Comune di Milano e alla Prefettura affinché si svolgessero i dovuti accertamenti e si proseguisse con la chiusura di questi tuguri. Proprio tra questi figurava anche la moschea irregolare di via Cavalcanti. Dopo la ricezione del registro, purtroppo né il Comune né la Prefettura ci hanno fatto avere notizie sui controlli che avrebbero dovuto essere svolti per garantire il rispetto delle regole e gli abusivi, a distanza di 6 mesi, proseguono nella loro attività indisturbati”.
“Il problema di una maggioranza comunale che tenta di difendere luoghi come questi è evidente. L’unica forma di razzismo è nei confronti degli onesti cittadini italiani che se utilizzano un sottotetto come stanza senza ottenere prima il cambio di destinazione d’uso, vanno incontro a sanzioni. Se invece centinaia di extracomunitari accedono a degli scantinati accatastati come magazzini senza permanenza di persone, spesso e volentieri rimangono indisturbati”.

"Proprio questa moschea era stata oggetto di dichiarazioni in campagna elettorale da parte del Sindaco Sala che aveva promesso l’immediata chiusura dello stabile. Purtroppo però i fatti smentiscono le promesse del Sindaco. Eppure il Comune avrebbe i poteri per intervenire mettendo i sigilli allo scantinato, mentre gli organi giudiziari stanno facendo arenare i procedimenti sulle scrivanie piene di scartoffie della Magistratura. Questa totale assenza delle istituzioni competenti – conclude Piscina - sottolinea la mancanza di volontà del Comune e dei giudici di intervenire su questioni fondamentali per gli abitanti del Municipio e per la democrazia: il rispetto delle regole e il
controllo per la sicurezza dei cittadini".

martedì 13 giugno 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio 2) e Laura Luppi (Assessore alle Politiche sociali), “Municipio 2 e Policlinico in prima linea per la donazione. Mercoledì iniziativa condivisa per informare i cittadini”

Milano, 13 giugno 2017

“In concomitanza della “Giornata mondiale del donatore di sangue” nasce la collaborazione tra l’Ospedale maggiore Policlinico di Milano e il Municipio 2”, interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano e Laura Luppi, Assessore alle Politiche sociali.
“Il fine è quello di sensibilizzare la cittadinanza a donare sempre più il sangue. Donare il sangue è un dovere civico, un atto gratuito e volontario, una manifestazione di solidarietà verso gli altri. È un atto di grande generosità che permette di salvare la vita di molte persone. Purtroppo negli ospedali milanesi c’è sempre più carenza di sangue”.
 “Dono il sangue da quando avevo 18 anni – sottolinea il Presidente Piscina – e parlando con amici, parenti e cittadini è sempre più evidente che poche persone sappiano che, a esempio, donando il sangue avrebbero diritto per legge a una giornata retribuita non recandosi al lavoro o che il sangue si rigeneri totalmente sin dalle prime ore dopo la donazione. Per tale motivo riteniamo fondamentale sensibilizzare e informare i cittadini sulla donazione”.
“Nella mattinata di domani mercoledì 14 giugno dalle ore 9.30 alle ore 13.30 circa sarà presente in via Zuretti un gazebo voluto dal Municipio e dall’Ospedale maggiore Policlinico di Milano per informare la cittadinanza sulla donazione del sangue. Infine, per i cittadini residenti nel Municipio 2 sarà predisposta dall’Ospedale maggiore Policlinico di Milano per la giornata di domani una corsia preferenziale finalizzata a favorirne la donazione senza lunghe attese”.
“Ringraziamo quindi la fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico – concludono i due esponenti – per la collaborazione in questa giornata speciale che pone il Municipio 2 in prima linea per la donazione del Sangue”.


Alle ore 12.30 presso il gazebo in via Zuretti saranno presenti il Presidente del Municipio 2 Samuele Piscina e il Presidente della Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico Marco Giachetti per interloquire con cittadini e giornalisti.