martedì 9 gennaio 2018

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio 2), “ Aggressioni in Centrale e clochard violenti. Milano in mano al degrado e alla delinquenza, ma il Comune è inesistente”

Milano, 9 gennaio 2018

“La situazione di degrado e delinquenza nella Milano amministrata dal Partito Democratico è insostenibile da troppo tempo, ma il Comune fa finta di non vedere”,  interviene Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2.
“L’ultima inaccettabile vicenda di cui si ha notizia è l’aggressione di Brumotti, inviato di Striscia la notizia, da parte di alcuni pusher mentre realizzava un servizio sullo spaccio attorno alla stazione Centrale di Milano. Ieri sera nel frattempo sotto i ponti di piazza Carbonari alcuni clochard, visibilmente ubriachi, hanno appiccato un falò nel bel mezzo della strada mentre transitavano le automobili. Sul posto sono intervenuti i Carabinieri su mia segnalazione”.
“Entrambe le situazioni, prima di questi ultimi episodi, erano state ripetutamente segnalate alla Polizia Locale, senza che però alcun intervento venisse realizzato. Le richieste di contrasto allo spaccio di stupefacenti e di accompagnamento dei senza fissa dimora nelle strutture preposte sono rimaste in un cassetto, insieme alle molte altre situazioni di degrado e di delinquenza che vengono segnalate ogni giorno senza che il Comune se ne interessi. Proprio questa inoperosità da parte del Amministrazione che gestisce la Polizia Locale sta portando la città a situazioni estreme di criminalità e violenza”.“Esprimo piena solidarietà a Brumotti per la violenza subita”, conclude il Presidente leghista. “Un episodio simile mi ha visto protagonista poco più di un anno fa in Centrale e la situazione da allora purtroppo non è cambiata. Il Comune aspetta che ci scappi il morto per agire risolvendo le problematiche di sicurezza che ogni giorno gli segnaliamo? Risulta evidente che il PD non sia adeguato ad amministrare una città, figuriamoci la Regione Lombardia o lo Stato italiano”.



mercoledì 3 gennaio 2018

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio 2) e Luca Lepore (Assessore alla Sicurezza), “Subito comando Polizia Locale nel parco Trotter per contrastare insicurezza e atti di vandalismo”

Milano, 3 gennaio 2018

“Dopo gli atti vandalici causati ieri da alcuni ragazzini nelle aule scolastiche, non si può attendere oltre”,  intervengono Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 , e Luca Lepore Assessore alla Sicurezza.
“Muri imbrattati con bombolette spray, tubature rotte, attrezzature distrutte, estintori svuotati e pavimenti allagati sono il bilancio del raid dei 3 dodicenni. Ma il Trotter non è nuovo a danneggiamenti e a atti delinquenziali a opera sia di adulti che di ragazzi. Pochi anni fa si è giunti al culmine con il ritrovamento di alcune bombe a mano sotterrate nel parco, mentre i bambini giocavano”
“Per tale motivo insistiamo ancora una volta con la proposta che avevamo fatto all’Assessore Rozza e al Sindaco a inizio mandato: trasferiamo il Comando della Polizia Locale di Zona 2 all’interno del Parco Trotter”.
“A oggi il Comando di Zona 2 si trova in via Settala, all’interno del Municipio 3 e ben lontano da dove sussistono i veri problemi di sicurezza. Con il trasferimento della scuola media nell’ex Convitto, del quale si stanno concludendo i lavori, si libereranno numerosi spazi nel parco che potrebbero essere affidati al Comando. In questo modo avremo finalmente un presidio costante in via Padova e all’interno del parco scolastico.

Il Comune passi finalmente dalle parole ai fatti – concludono i 2 esponenti leghisti – e garantisca la sicurezza dei bambini e il contrasto degli atti di vandalismo e criminalità, trasferendo la Polizia Locale nella via più pericolosa di Milano”.

martedì 26 dicembre 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente di Municipio 2), “Via Padova e Trotter priorità Municipio 2. Partiti i lavori per sicurezza aree verdi”

Milano, 26 dicembre 2017

“Il Municipio 2 ha portato un bel dono natalizio ai cittadini di via Padova”, intervengono Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano, e Marzio Nava, Assessore al Verde.
“In questo anno e mezzo di mandato la Giunta municipale ha concentrato molte energie per ristabilire la sicurezza e l’ordine pubblico nelle aree verdi di via Padova. Proprio intorno al Trotter sono iniziati in questi giorni i lavori di riqualificazione del Trotterino di via Giacosa, un giardinetto esterno al parco lasciato in mano a delinquenti, ubriachi e spacciatori. I lavori, completamente finanziati dal Municipio con una cifra che si aggira sui 20.000€, prevedono in primis la rimozione della siepe che circondava l’area verde e che nascondeva alle Forze dell’Ordine ogni azione illegale, sostituendola con una recinzione metallica bassa a funzione di parapetto che permetterà una visuale migliore. Inoltre verrà realizzata un’area cani, richiesta dai cittadini per supplire all’impossibilità di recarsi dentro al parco Trotter in orari diversi da quelli di apertura e che potrà permettere la creazione di un forte presidio di persone perbene”.
“A questo intervento seguiranno a inizio 2018 i lavori di realizzazione della cancellata del giardino di via Padova angolo via Mosso, già deliberati 1 anno e mezzo fa dal Municipio e ostacolati in ogni modo dai continui ritardi causati dall’Assessorato comunale. Quest’area, ormai famosa alla cronaca, è oggetto di spaccio di stupefacenti, prostituzione e delinquenza. La recinzione, anch’essa finanziata dal Municipio 2 per una cifra attorno ai 45.000€, permetterà la chiusura del giardino strappandolo alla criminalità e al degrado durante le ore notturne e la contestuale unificazione al Trotter consentirà un più costante presidio dell’area”.
“I due interventi sono stati finanziati, - proseguono i 2 membri della Giunta - insieme ad altri già conclusi o in via di progettazione, grazie ai 100.000€ annui concessi dal Comune di Milano al Municipio per la Manutenzione straordinaria del verde. Una cifra irrisoria se messa a confronto con le grandi disponibilità del Comune per la MS del verde e con i numerosi interventi che devono essere realizzati nel nostro Municipio. Auspichiamo che in futuro l’Amministrazione comunale diventi meno centralista e ci riconosca almeno i fondi necessari per attuare i pochi poteri che ci vengono concessi. “Il Municipio 2 però non si ferma qui. Abbiamo più volte chiesto al Sindaco tramite l’Assessore Lepore di trasferire il comando della Polizia Locale di zona dentro al parco Trotter, ma a oggi non abbiamo ricevuto un riscontro positivo. Siamo fortemente convinti che il trasferimento del comando da via Settala a via Padova permetterebbe un lavoro migliore da parte dei nostri agenti e la risoluzione di molti problemi di sicurezza”.

“Intanto questi interventi – concludono i due esponenti - dimostrano quanto il Municipio a guida centrodestra sia attento all’aspetto della sicurezza e della riqualificazione in via Padova, area abbandonata per anni dalla sinistra. Due punti fondamentali del nostro programma elettorale che vengono portati a compimento”.

sabato 16 dicembre 2017

COMUNICATO STAMPA: Samuele Piscina (Presidente Municipio 2), “Piazza Duca D'Aosta, alla cittadella araba preferiamo il mercatino natalizio”

Milano, 16 dicembre 2017

“È impossibile non notare la cittadella araba sorta in questi giorni in piazza Duca D’Aosta”, commenta Samuele Piscina, Presidente del Municipio 2 di Milano. “Una struttura imponente a forma di porta tunisina che occupa buona parte della piazza. Il tutto condito con musica e danza araba, tra lo stupore dei cittadini milanesi che si chiedono cosa stia succedendo. A quanto pare si tratta di una trovata pubblicitaria per sponsorizzare il turismo nello stato tunisino”.
“Due fattori però ci lasciano parecchio perplessi: siamo in periodo natalizio e Piazza Duca d'Aosta è una delle poche aree nelle quali al Municipio è vietato fare eventi, tra i quali proprio i mercatini”.
“Piazza Duca D’Aosta è il luogo più appetibile dal punto di vista commerciale all’interno del Municipio 2 e un suo inserimento nel bando di gara avrebbe quasi sicuramente permesso la realizzazione del mercatino natalizio portando gioia e tradizione. Non si capisce quindi con quale criterio venga assegnata una piazza vietata allo stesso Municipio per erigere una struttura araba, soprattutto sotto Natale”.
“Forse l'intento era quello di far sentire come a casa propria le centinaia di immigrati che bivaccano in Centrale? Beh, guardando com’è ridotta l’area attorno alla stazione si può evincere come si siano già presi tutte le libertà possibili, spesso infischiandosene delle nostre regole”.
“Sta di fatto – conclude il Presidente leghista - che i milanesi avrebbero sicuramente preferito vedere una piazza con casette in legno addobbate e prodotti artigianali invece di una porta araba. Per il futuro pretendiamo che la Giunta comunale metta la piazza a disposizione del Municipio al fine di creare un clima festivo per i cittadini”.